Acetosa

Acetosa

L’ acetosa è una pianta officinale conosciuta per il suo sapore amarognolo e le proprietà digestive.

Ha proprietà digestive, depurative, diuretiche e antinfiammatorie grazie alla presenza di ossalati e di antrachinoni. Discrete, invece, le proprietà emmenagoghe e stomachiche.

Tra i principi attivi della acetosa, troviamo la vitamina C (80 mg/100 g che rappresenta la metà del fabbisogno giornaliero), ossalati di calcio e di potassio, acido ossalico, tartarico e tannico, antrachinoni, ma anche amido, mucillagini e oli. L’ossalato di calcio è la sostanza che le dà quel sapore acidulo.

L’acetosa trova le seguenti indicazioni:

  • Disturbi dell’apparato digestivo.

  • Emorroidi.

  • Ulcerazioni della bocca.

  • Inappetenza.

  • Febbre.

Tisana
2-3 tazze al giorno

Tintura Madre
Preparata dalla foglia fresca tit. alco0l.45° X gtt 3 volte al giorno

NOTE DI FITOTERAPIA
L’ossalato di calcio e il potassio contenuti nell’Acetosa sono potenzialmente nefrotossici.

I derivati di questa pianta possono presentare potenziale nefrotossicità, quindi è controindicata a quanti soffrono di calcoli, artrite, gotta, reumatismi, iperacidità. In caso di elevata ingestione di foglie crude sono stati riscontrati avvelenamenti con lesioni renali. Incompatibilità con le acque minerali e con i contenitori in rame.